assumere

Perché dovrei assumere proprio te?

Pubblicato il Pubblicato in Chi sono

colloquio di lavoro

Perché dovrei assumere proprio te?

Questa è una domanda che quasi sicuramente ti verrà fatta durante un colloquio di lavoro o, magari, ti è già stata posta e non sei riuscito a portare valide argomentazioni a supporto della tua candidatura.

Devi sapere che dall’altra parte c’è un selezionatore, un rappresentante dell’azienda, un manager  che vuole capire se tu possiedi quelle caratteristiche richieste dalla posizione vacante e capire se sei la persona giusta.

Non è assolutamente facile perché non c’è una formula magica, un algoritmo matematico o un unico modo per convincere chi ti sta colloquiando della bontà della tua candidatura. Inoltre ci sono molte informazioni mancanti, che non conosci e non sai se un modo di rispondere possa essere interpretato positivamente o meno.

La situazione si fa davvero complicata, ma non impossibile.

Come gestire, quindi, al meglio questa domanda?

La prima regola che dovrai seguire è quella di non andare allo sbaraglio. Se non ti prepari, rischierai di fare affermazioni che suonano un po’ banali, da Gallo Cedrone come: “ Deve assumere me perché sono perfetto in tutte le cose che faccio, sono il migliore, do sempre il 110%”, o affermazioni del genere al fine di ingenuamente  pompare le proprie esperienze e impressionare l’interlocutore.

Allo stesso modo, sono da evitare frasi da pecora smarrita e falso modesto tipo: “Deve assumere me perché  sono intelligente, lavoro duro e sono disponibile a fare qualsiasi cosa mi si richiede, perché voglio veramente far parte di questa società e bla bla..”

Se ti rivedi in questi modi di rispondere è ora di cambiare!

 

La seconda regola è quella di cercare indizi! Ogni azienda definisce, prima di iniziare il processo selettivo, le qualità che ritiene fondamentali per avere successo nel ruolo. Quindi dovrai rimboccarti le maniche e andarle a ricercare.

Dove? Innanzitutto nella descrizione del lavoro che si trova di solito nell’annuncio al quale hai risposto. Lì ci saranno un elenco di competenze e abilità (le qualità che cercavi!) Ma non bastano le competenze per farsi assumere!  I responsabili delle risorse umane sono alla ricerca di candidati che si inseriscono nella cultura della società, nei suoi modi di pensare, vedere e affrontare le cose! Se vai su Linkedin ti puoi fare un’idea iniziale sul tipo di persone che fanno parte di quell’organizzazione.

 

La terza regola è evidenziare ciò che gli altri non hanno!

E’ probabile che anche gli altri candidati hanno abilità ed esperienza molto simili alla tua. Quindi metti in evidenza una caratteristica unica, che hai solo tu e che sia fondamentale per quella posizione (magari hai seguito qualche progetto specifico che può essere importante per quel lavoro)

 

La quarta regola è proporre delle soluzioni a dei problemi!

Puoi rispondere a questa domanda offrendo una soluzione o una novità che puoi apportare all’azienda. Per fare questo ovviamente dovrai studiare l’azienda, le sue problematiche o più in generale quelle del comparto in cui opera.  Puoi fornire il tuo punto di vista, la tua idea per risolvere alcune tematiche precise. Magari non sarà la proposta giusta ma è un ottimo modo per rispondere a questa domanda

Ora prendi in considerazione tutti questi elementi  e formula una risposta che sia naturale e convincente. Creati una presentazione (magari scritta) nel rispondere a questa domanda, oppure trova un collega, un amico, un parente e fai pratica nel provarla e, perché no, prendi  in considerazione anche un suo feedback!