Articoli

Come fare se vuoi cambiare lavoro

Come fare se vuoi cambiare lavoro

 

Mi rivolgo a chi un lavoro già ce l’ha ma non è soddisfatto e vuole cambiarlo.

Il primo aspetto che dovrai mettere in evidenza in un colloquio di lavoro è la tua motivazione e spiegare il perché vuoi cambiare lavoro o azienda. Quindi la prima cosa è chiedere a  te stesso “Perché voglio cambiare lavoro?”, “Cosa sto cercando?” e ancora “ Cosa realmente mi gratifica?”

A volte ci si candida rispondendo a degli annunci principalmente per “testare”  se il nostro cv è ancora allettante per le aziende e per sentirci un po’ in pace con la nostra coscienza, piuttosto che spinti da una reale motivazione per una specifica posizione o azienda. Molto spesso chi si candida lo fa “a pioggia” a centinaia di annunci, senza mettere in evidenza una peculiare ragione sul perché si ritiene di avere tutte le carte in regola per ottenere quel determinato lavoro.

Ti è capitato? E’ così?

Sappi però che QUESTO ATTEGGIAMENTO NON TI DARA’ NESSUN RISULTATO.

Per convincere chi leggerà il tuo cv o chi ti sta colloquiando devi essere convinto e motivato al 100% prima di tutto tu. E lo puoi fare solo se farai un’analisi approfondita su te stesso, le tue competenze, i  tuoi desideri e ti porrai le giuste domande!

L’UNICO RESPONSABILE CHE PUO CAMBIARE LE COSE SEI TU!

Non è detto che ti arriveranno subito delle offerte di lavoro, ma è un passo fondamentale e coerente con la tua decisione di cambiare.

E allora come fare se vuoi cambiare lavoro? Parti da quello che stai facendo e dall’ambiente in cui lavori, fatti delle domande e inizia a ragionarci sopra.

Ti accorgerai che le domande hanno un potere straordinario per aiutarti a definire il giusto percorso, portandoti  a un livello di consapevolezza più alto. Spesso chi si fa molte domande, fin dalla scuola o anche a lavoro, non viene apprezzato. Abbiamo talmente interiorizzato questo atteggiamento che non ci chiediamo perché stiamo facendo qualcosa o come potremmo essere più felici! Lo facciamo automaticamente e basta.

In questo percorso è fondamentale la pazienza: anche se non riuscirai a trovare una risposta immediata alle tue domande, col tempo la tua mente sarà talmente stimolata che troverà nuove strade e nuovi modelli di pensiero per far emergere nuove soluzioni a cui non avevi mai pensato.

Quali domande puoi farti?

Inizia dal tuo ruolo: Ti soddisfa appieno il lavoro che fai? No? Perché? Lo faccio bene il mio lavoro? Cosa pensano di me i miei colleghi? Quando mi sono confrontato con altri professionisti del mio settore che lavorano in altre aziende sono rimasto in silenzio o ho ottenuto la loro stima, il loro consenso? Mi vedo a fare questo lavoro in futuro?

Poi passa al contesto in cui lavori: l’azienda dove lavori fa crescere le persone per meritocrazia o non si cresce mai? Vengono prese in considerazione le tue idee e i tuoi progetti? Il tuo stipendio è in linea con il mercato?  E con i tuoi colleghi hai buoni rapporti? L’azienda è dinamica e solida oppure no?

E tante altre domande che ti aiuteranno a capire meglio dove realmente vuoi andare, potenziando le tue abilità comunicative nel trasmettere la giusta motivazione a chi dovrà valutare la tua candidatura.

Se vuoi sapere ancora di più su Come fare se vuoi cambiare lavoro , acquista il mio ebook  su Amazon“Il curriculum che piace alle aziende” a soli 2,99 euro.  Lì troverai utili indicazioni e un esercizio pratico per allenarti a porti le giuste domande. clicca qui per maggiori info

Inizia questo percorso per conoscerti meglio una volta per tutte così che la tua convinzione sarà talmente radicata da essere il principale strumento con cui realizzare il cambiamento a cui ambisci.

Buon viaggio!

Michele