Chi sono

La ricerca di lavoro nell’era del Coronavirus

L’emergenza del Coronavirus sta generando molto stress sia per chi un lavoro già ce l’ha e teme di perderlo, sia per chi non ce l’ha e sta nel bel mezzo della ricerca.

In questo articolo mi concentro sui secondi per rispondere a chi in questi giorni si sta chiedendo in che modo il Covid-19 influenzerà la ricerca di lavoro.

“Il Coronavirus rallenterà un processo di assunzione?”

“E’ il momento giusto per cercare attivamente una nuova occupazione oppure è meglio rimandare quando tutto è finito?”

Per rispondere a queste domande è importante sottolineare che cercare di capire quand’è il momento migliore per essere assunti potrebbe essere inutile o addirittura controproducente.

Mi spiego meglio con un esempio.

Molti pensano che durante i periodi di festa come il Natale o durante le ferie estive le assunzioni si blocchino e che nessuna azienda assuma, ma questo è vero solo in parte.

Sicuramente la ricerca sarà più difficile, subirà un rallentamento ma non si arresterà mai al 100% (clicca su questo link per accedere al video sul mio canale YouTube)

La stessa cosa, seppure con tutte le difficoltà che le aziende dovranno affrontare, succederà con questa emergenza epidemica.

E, paradossalmente, seppure ci sarà una fase di rallentamento della vita “naturale” dell’azienda, tu come candidato ne potrai giovare.

Se, infatti, continuerai a cercare, rispetto a coloro che smetteranno, avrai meno concorrenza in fase di candidatura.

Le aziende, dopo un primo periodo di disorientamento, si riorganizzeranno e porteranno avanti i processi di selezione da remoto, grazie alle tecnologie di video-intervista oggi largamente diffuse.

Sicuramente il momento di assunzione per firmare il contratto verrà posticipato, ma tu, in quel momento, avrai già il posto in tasca.

E’ bene tenere in mente che le assunzioni accelerano o rallentano in un’azienda in base a precisi piani strategici e a budget stanziati ad inizio anno.

Il Coronavirus, seppure imprevisto e così massiccio, sarà solo un intoppo momentaneo.

Se così non fosse ed il periodo di sospensione dell’attività andrà a toccare la parte produttiva dell’azienda per lungo tempo, è probabile che i processi di selezione meno strategici saranno rinviati a periodi più propizi.

Cosa puoi fare in questa fase di rallentamento?

Il tuo lavoro di candidato è quello di osservare come si muovono le aziende in questo momento di difficoltà.

Linkedin è una finestra in tempo reale utilissima dove potrai cogliere ogni sfumatura sia osservando il profilo istituzionale dell’azienda, sia il profilo dei dipendenti e dei collaboratori che ci lavorano.

Segui soprattutto le aziende che ti interessano, i loro brand ambassador e le figure professionali che ritieni utili per la tua ricerca.

Partecipa, raccogli informazioni, scambia opinioni e chiediti come tu puoi essere utile per loro, in questo momento di difficoltà.

Se vuoi scoprire come migliorare l’efficacia del tuo profilo LinkedIn, leggi il mio articolo SOCIAL SELLING INDEX, IL TUO VALORE SU LINKEDIN